Accesso al pannello di amministrazione dell'eshop >> (Questo messaggio lo vedi solo tu!)

1° Chakra - Muladhara

 

<<< TORNA AI CHAKRA

 

Muladhara” o “Chakra della radice” o “Primo chakra” o “Chakra della base”

 

Il “chakra della radice”, detto anche “primo chakra”, rappresenta le nostre radici, le fondamenta sulle quali si basa l’esistenza di ognuno di noi: questo è il primo dei sette centri energetici del nostro corpo ed è situato alla base della colonna vertebrale.

 

La parola “Muladhara” viene dal sanscrito e significa, infatti, letteralmente “sostegno della base” o “sostegno della radice”.

 

Questo chakra si trova alla base della spina dorsale, nel perineo.

 

Esso è collegato alle gambe ed è quindi simbolo della terra, di tutto ciò che è solido e stabile. Per tale ragione è anche il centro energetico di tutte le parti più dure del corpo, come le unghie, le ossa e i denti.

 

Il primo chakra simboleggia la stabilità, la fiducia in noi stessi e la sicurezza, è collegato alla nostra sopravvivenza ed è la sede dei nostri bisogni primari, come la necessità di cibo, di avere un riparo sicuro e di intessere relazioni con altre persone.

 

Delle fondamenta solide e delle radici ben piantate a terra sono di fondamentale importanza per la stabilità e la solidità di qualsiasi cosa: per gli edifici e le piante, ma anche per gli obiettivi o lo studio … le nostre fondamenta ci sorreggono in qualsiasi situazione e ci consentono di evolverci e svilupparci al meglio.

 

Per tale ragione, questo centro energetico ci spinge e ci guida alla ricerca di un ambiente sicuro e confortevole dove stare, della sicurezza economica e della stabilità nei rapporti di coppia.

 

L’energia di questo chakra dona vitalità, coraggio, fiducia, forza di volontà e voglia di vivere e di intraprendere nuove avventure.

 

La parola chiave associata al chakra del cuore è: “IO ESISTO”.

 

E’ il chakra che ci radica ai nostri corpi e identifica il diritto della persona ad esistere e ad avere tutto ciò di cui necessità per sopravvivere.

 

Muladhara è collegato alle vibrazioni del colore rosso, il colore dell’energia pura, dell’istinto e della forza vitale, ed è associato all’elemento Terra.

 

L’energia del chakra della radice è canalizzata attraverso le ghiandole surrenali, due piccole ghiandole situate sopra ciascun rene.

 

Esse secernono adrenalina quando la nostra sopravvivenza viene minacciata e attivano il sistema lotta/fuga rendendo la nostra percezione del pericolo più chiara.

 

Quando è equilibrato ci sentiamo sicuri, felici e capaci di vivere il momento presente, pieni di entusiasmo e pronti per progettare il nostro futuro: fondamentale è per un individuo avere delle radici solide su cui poggiare tutta la propria vita, esattamente come sono fondamentali le radici per la sopravvivenza di un albero o le fondamenta per costruire una casa solida.

 

Ci sentiamo, quindi, protetti e al sicuro, viviamo pienamente il momento presente e progettiamo il nostro futuro con tenacia e chiarezza mentale, invece di limitarci a reagire impulsivamente alle circostanze.

 

Quando il chakra della radice è bloccato è possibile che ci si senta, infatti, smarriti, apatici, sfiduciati e privi di sicurezza in noi stessi. Non ci si riuscirà a sentire mai soddisfatti in nessun luogo e si avrà la tendenza a cambiare spesso casa e perfino paese, regione, nazione.

 

E’ possibile che si perda la capacità di gestire il denaro e i problemi economici diventano sempre più frequenti e assillanti.

 

Essere costantemente sotto pressione da un punto di vista finanziario comporta uno stress molto forte che influisce direttamente sulle ghiandole surrenali, che avvertendo una situazione di pericolo, producono adrenalina e cortisolo, gli ormoni appunto collegati allo stress.

 

Inoltre, uno squilibrio a livello del chakra della radice si manifesta anche con difficoltà nelle relazioni interpersonali, la tendenza a vivere in un ambiente domestico caotico e disordinato e la mancanza del coraggio necessario per inseguire i propri sogni.

 

Diviene difficile anche condividere con gli altri i propri problemi, e a volte si prendono sulle spalle anche problemi che non sono nostri ma che finiamo per fare nostri.

 

Le conseguenze di un chakra della radice bloccato possono essere anche molto gravi, si perde infatti la voglia di vivere, si sente la mancanza di un punto d’appoggio, ogni circostanza è vissuta con eccessiva preoccupazione e diviene pressochè impossibile portare a termine le cose che iniziamo.

 

Fisicamente, con il blocco del primo chakra, ci si sentirà stanchi e spossati, depressi, con cali di energia e si avranno problemi ai denti, ai reni e alle giunture, anche il rapporto con il proprio corpo e con il cibo diventa conflittuale e, molto probabilmente, si svilupperanno problemi legati al peso, potrebbero verificarsi disfunzioni a livello intestinale, problemi circolatori, affaticamento surrenale, morbo di Crohn e cancro.

 

Quando, al contrario, è troppo aperto, si scatenano sentimenti opposti, come un forte attaccamento ai beni materiali e al passato, senza riuscire a vivere il momento presente, ci si oppone al cambiamento e si sviluppa una totale mancanza di paura o una paura eccessiva, che può portare a imbattersi in situazioni molto rischiose o all’incapacità di godere della bellezza della vita.

 

Per equilibrare i chakra non devi mai far finta di essere ciò che non sei. Non devi ad esempio fingere di essere felice per allinearlo ma al contrario, se riuscirai a riequilibrarlo comincerai a sentirti felice.

 

Ci sono diversi esercizi, pratiche specifiche (come il “Reiki” ad esempio, di cui si parlerà in futuro in questo blog) posizioni e visualizzazioni che puoi fare per sbloccare il primo chakra.

 

Ci sono anche persone in grado di poterlo fare per te, aiutandoti a ripulire il tuo centro energetico (se chiederai informazioni in privato potrai avere indicazioni su dove poterti rivolgere).

 

Se vuoi procedere da solo per riequilibrare il primo chakra, la prima cosa che ti consiglio di fare è di trovare un posto tranquillo dove puoi essere direttamente a contatto con la terra, come un boschetto o un giardino, hai bisogno di stare all’aperto e in mezzo alla natura: ritrova e rientra in connessione con la terra.

 

Prendi il sole, respira l’aria fresca, esegui attività all’aperto: balla, corri, cammina, esegui attività sportiva all’aria aperta, pratica giardinaggio, pratica lo Yoga.

 

Pratica delle posizioni che favoriscano il tuo contatto con la terra, come la “Vrksasana”, la posizione dell’albero, o la “Tadasana”, la posizione della montagna.

 

Fai anche degli esercizi di visualizzazione, attraverso la meditazione. Siediti a terra, con le gambe incrociate e la schiena ben eretta. Se fai fatica, aiutati con una coperta o un cuscino sotto i glutei. Visualizza adesso delle radici che partono dal tuo corpo per entrare in profondità nel terreno.

 

Via via che le radici affondano, porteranno con sé tutte le energie negative che hai accumulato. Quando ti senti pronto, richiama le radici verso di te, che risaliranno insieme all’energia positiva della terra.

 

Per aiutarti e mantenere la concentrazione, puoi anche ripetere il mantra “LAM”, che corrisponde al primo chakra.

 

Se ti senti molto stressato significa che le tue ghiandole surrenali sono sotto sforzo eccessivo ed è necessario ritrovare la tranquillità e abbassare i livelli di adrenalina e cortisolo nel sangue, e i modi più semplici per farlo sono:

  • la meditazione (evita sostanze stimolanti ed eccitanti)

  • mangiare cibi di colore rosso che provengono dalla terra (peperoncino, peperoni rossi, paprica, pepe di Caienna, patate dolci, pomodori, barbabietole…): il colore rosso è il colore del coraggio (indossa anche indumenti di quel colore, addobba la tua casa di elementi rossi..circondati di rosso!).

 

Il risveglio del primo chakra comporterà la rinascita di qualità come: spontaneità, saggezza, voglia di vivere e di progettare il futuro.

 

Quando queste qualità torneranno a splendere dentro di te potrai vivere la vita con gioia ed entusiasmo.

 

Per poter far tornare a lavorare il chakra della radice in maniera armonica, devi aprirti al mondo, osservare e apprezzare la natura e le sue meraviglie e connetterti con essa, ogni volta che ne avrai l’esigenza o la semplice occasione.

 

Sentirai lo stupore nell’osservare il mondo e le sue meraviglie.

 

Impara ad aprirti all’abbondanza e alla bellezza che ti circonda, a sentirti parte integrante del creato e del grande miracolo della vita.

 

Una volta che il primo chakra sarà di nuovo in equilibrio, ti sentirai costantemente al sicuro, svilupperai un buon rapporto con il tuo corpo, imparerai a sentirti rilassato e in pace, ti sentirai connesso con l’universo e perfettamente integrato nei cicli naturali della vita.

 

Il rapporto con il denaro diventerà equilibrato: imparerai a gestire i tuoi soldi e ad averne sempre abbastanza per soddisfare ogni tuo bisogno, con un occhio sempre rivolto al futuro e uno al presente, e la scarsità di soldi non sarà più un assillante problema, ma solo un lontano ricordo.

 

Vivrai un’esistenza all’insegna della prosperità e dell’abbondanza sia materiale che spirituale.

 

Le tue relazioni con gli altri diventeranno sane ed equilibrate, e percepirai una profonda connessione con la terra e con tutte le creature viventi.

 

Infine, sentirai una forte spinta interiore a dare il tuo contributo attivo per proteggere madre terra e prenderti cura di essa.

 

Come anticipato nella scheda introduttiva, al primo chakra corrispondono delle pietre specifiche, che potrai trovare sul nostro sito, inserite in splendidi gioielli realizzati a mano con pietre pure scelte e argento.

 

 

SCHEDA RIASSUNTIVA:

Posizione: perineo, coccige

Funzione: sopravvivenza

Colore: rosso

Elemento: terra

Senso: olfatto

Mantra: lam

Loto: 4 petali con all’interno la terra

Nota: do

Animale: elefante, bue

Olio essenziale: cannella

 

<<< TORNA AI CHAKRA

 

 

PRODOTTI CORRELATI:

2° Chakra - Svadhisthana I CHAKRA - come funzionano? Vedi tutti gli articoli
Powered by ProofFactor - Social Proof Notifications