Accesso al pannello di amministrazione dell'eshop >> (Questo messaggio lo vedi solo tu!)

I CHAKRA - come funzionano?

 

<<< TORNA AI CHAKRA

 

Come abbiamo spiegato nell’articolo precedente, i chakra sono 7 centri energetici situati nel nostro corpo, posizionati tra la testa e la parte più bassa della spina dorsale e sono:

 

Questi centri energetici hanno il compito di ricevere l’energia e di ridistribuirla attraverso le “nadi”, ossia dei canali collegati alla spina dorsale che hanno il compito di trasportare l’energia nel resto del corpo.

 

L’ obiettivo sarà, quindi, sempre quello di mantenere la giusta apertura dei propri chakra, in modo equilibrato, in modo tale che l’energia possa scorrere fluida senza che si abbiano blocchi energetici (chakra chiusi, a causa ad esempio di un trauma o di tensioni forti sia fisiche che emozionali) o un sovraccarico di energia (chakra troppo aperti, se eccessivamente stimolati).

 

Entrambe queste situazioni possono portare infatti a malessere sia mentale (attraverso disturbi emozionali) che fisico.

 

Dal momento che i chakra sono collegati ai gangli nervosi e alle ghiandole endocrine, la chiusura dei centro energetico e il conseguente blocco energetico che ne deriva può causare uno stato di crisi interiore e di malessere psicofisico oltre all’insorgere di patologie agli organi collegati a quelle ghiandole.

 

Quando uno di essi viene risvegliato e viene quindi aperto, si raggiunge una maggiore coscienza di noi stessi e uno sviluppo di precisi benefici psicofisici.

 

In base della posizione che ogni chakra occupa nel nostro corpo, quindi, ad esso viene associata anche una specifica ghiandola endocrina, la quale ha il compito di rilasciare nel corpo i rispettivi ormoni e la funzionalità di tale ghiandola, se compromessa, appunto, può generare stress, ansia, depressione e mal funzionamento dell’organismo.

 

Conoscendo il funzionamento dei chakra, è quindi possibile comprendere i nostri squilibri energetici, e capire dove andare a lavorare per ristabilire un equilibrio psico-fisico e per essere in grado di farlo è necessario conoscere le caratteristiche specifiche di ogni chakra.

 

I chakra non sono inoltre slegati tra loro ma hanno un forte influsso l’uno sull’altro, si influenzano reciprocamente, soprattutto quanto più sono vicini tra loro. Questo significa che l’apertura o la chiusura di un centro energetico può influenzare in modo positivo o negativo anche i centri energetici adiacenti.

 

Gli scompensi fisici, emotivi e mentali che vengono provocati dalla chiusura o dalla troppa apertura di un chakra possono essere risolti attraverso la meditazione o altre precise pratiche di cui ci occuperemo in questo blog nell’affrontare ogni singolo chakra.

 

Riallineando tutti i punti energetici si otterrà quindi un equilibrio anche nel proprio organismo, tale che la mente e il corpo possano essere un tutt’uno e vivere tra loro in armonia.

 

Ogni chakra, come abbiamo già accennato, ha anche un preciso colore e una pietra che lo rappresenta: le pietre e i cristalli, infatti, hanno degli influssi benefici e, se utilizzate in combinazione con i chakra, aumentano anche il loro effetto energetico e curativo.

 

A questo punto, è ancora presto per capire che tipo di pietra potrebbe fare al caso tuo, ma puoi iniziare a dare un occhiata alla nostra selezione suddivisa per chakra.

 

CLICCA QUI e SCOPRI LA NOSTRA COLLEZIONE.

1° Chakra - Muladhara I CHAKRA - che cosa sono? Vedi tutti gli articoli
Powered by ProofFactor - Social Proof Notifications